Bambini di strada e circhi sociali in pista a San Gimignano con Circomondo

sangimignanoestate2015[1]

Dal 26 al 28 giugno incontri, laboratori, proiezioni di film-documentari e uno spettacolo circense inedito Bambini di strada e circhi sociali in pista a San Gimignano con Circomondo, festival internazionale del circo sociale per accendere i riflettori sui diritti dell’infanzia
La tre giorni vedrà protagonisti circhi sociali in arrivo da Roma, Napoli, Brasile, Palestina, Afghanistan, Spagna e Kenia.
Ragazzi e bambini di strada in arrivo dalle zone e dai quartieri più difficili e pericolosi di Rio de Janeiro, Beirut, Kabul, Valencia, Nairobi, Roma e Napoli scendono in pista a San Gimignano con Circomondo, Festival internazionale di circo sociale, per accendere i riflettori sui diritti e la tutela dei minori nel mondo.

L’appuntamento è in programma da venerdì 26 a domenica 28 giugno e vedrà protagonisti venti bambini e ragazzi tra gli 11 e i 20 anni strappati da situazioni di forte disagio e inseriti in progetti di recupero sociale attraverso l’arte circense.
Nei tre giorni della manifestazione, i piccoli artisti animeranno le vie e le piazze della città turrita trasformandosi in giocolieri, acrobati, clown, equilibristi e trapezisti e in ambasciatori dei progetti di circo sociale da cui provengono.

 

Non mancheranno, inoltre, occasioni di riflessione e coinvolgimento sul tema dell’esclusione e della marginalizzazione sociale dei minori nel mondo attraverso seminari di approfondimento, mostre, laboratori per bambini e proiezioni di film-documentari.

Nelle giornate di sabato 27 e domenica 28 giugno, il Festival vedrà il suo momento più importante con lo spettacolo circense inedito “Bing Bang Circus – Un viaggio nel mondo”, curato dal regista Emmanuel Lavallè, dove saranno protagonisti assoluti i piccoli ospiti, per la prima volta insieme nella performance, e i loro accompagnatori.

Nella giornata di sabato 27 giugno, inoltre, Circomondo attraverserà Nottilucente, manifestazione promossa dal Comune di San Gimignano con Culture Attive e che, per il quarto anno, animerà vie e piazze del centro storico dalle ore 17 fino a tarda notte, trasformandole in un inusuale palco a cielo aperto.

Nell’occasione potete visitare le bellezze e la natura Toscana in un agriturimo immerso nel verde a pochi chilometri da san gimignano.

Il circo sociale. Il circo sociale si rifà a una metodologia pedagogica di integrazione sociale, avviata negli Stati Uniti negli anni Venti per recuperare i bambini vittime della Grande Depressione, facendo leva sulla loro creatività attraverso l’arte circense.

Da allora, il circo sociale si è diffuso in tutto il mondo come metodo educativo per lavorare con i bambini e i ragazzi emarginati o in condizioni di rischio e svilupparne l’autonomia, l’autodisciplina, il senso di dignità e la responsabilità personale.

La possibilità di accedere a programmi di formazione circense può rappresentare per questi ragazzi un’occasione unica di conoscenza, integrazione e miglioramento delle proprie prospettive di vita.

 Circomondo e Carretera Central.

Il progetto di circo sociale ad Haiti.

Circomondo nasce dall’esperienza maturata negli anni dall’associazione Carretera Central – braccio della cooperazione internazionale dell’Arci provinciale di Siena – nel circo sociale in Brasile, a Cuba e in altri Paesi del Sud del mondo. Su queste basi, l’associazione sta portando avanti un progetto di circo sociale ad Haiti, a Port-au-Prince.

La prima edizione di Circomondo si è svolta a Siena nel gennaio 2012 con bambini e ragazzi in arrivo dalle favelas di Rio de Janeiro, dalle periferie di Buenos Aires, dai sobborghi di Ramallah (Palestina) e dai quartieri più difficili dell’hinterland napoletano (Barra e Scampia).

Prima di entrare nel vivo della tre giorni a San Gimignano, Circomondo dedicherà al tema dei diritti dell’infanzia anche il Premio artistico “Bambini in pista che cambiano il mondo”, rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado di tutta Italia e alle associazioni giovanili italiane. Il Premio prevede la presentazione di elaborati artistici realizzati con tecnica a piacere e dedicati al tema dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e alla metodologia pedagogica del circo sociale, che utilizza e valorizza l’arte e la cultura come strumento di integrazione verso bambini e adolescenti a rischio di esclusione e marginalizzazione sociale.

 

Per saperne di più su Circomondo, è possibile consultare il sito www.circomondofestival.it,