Pienza e il Palazzo Piccolomini

piccolomini

In Provincia di siena si trova Pienza, uno dei borghi medievali più belli della Toscana e del Mondo, tanto che il suo centro storico ha ottenuto il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Passeggiando lungo le suggestive stradine del paese antico, caratterizzato da numerose botteghe di cacio pientino e ceramiche dipinte a mano, s’incontra Piazza Pio II, dove, accanto al Duomo, sorge maestoso Palazzo Piccolomini. La residenza pontificia fu commissionata a Bernardo Rossellino nella seconda metà del XV secolo da Papa Pio II.

L’imponente edificio, affacciato su uno dei paesaggi più suggestivi della nostra regione, rientrava nel progetto più ampio di riedificare Pienza come “città ideale” del Rinascimento. Rossellino si ispirò ad un altro famoso edificio toscano realizzato su progetto del grande maestro Leon Battista Alberti: Palazzo Rucellai di Firenze. La residenza di Pio II a Pienza presenta pianta quadrata e si sviluppa su tre piani, è “fino al punto più alto lavorata finemente dallo scalpello del lapicida” così descriveva il raffinato bugnato degli esterni il Piccolomini nei suoi “Commentari”. Nel testo il Papa descrive con dovizia di particolari il palazzo, finemente affrescato e decorato. Ancora oggi chi visita la magnifica residenza pientina, destinata ad ospitare mostre come “Vinum Nostrum” (esposizione dedicata alla storia del vino nel Mediterraneo, clicca qui per leggere il post dedicato) resta colpito dalla bellezza degli ambienti magistralmente strutturati in modo da offrire eccezionali scorci del paesaggio circostante.
Il Giardino Pensile costituisce il primo esempio di giardino rinascimentale, spazio ideale per la contemplazione e per la meditazione, in cui arte e natura si compenetrano alla perfezione. Nei “Commentarii” Enea Piccolomini così descrive il suggestivo panorama: il monte Amiata, la valle dell’Orcia e i “prati verdeggianti e i colli erbosi nelle stagioni buone, i campi ricchi di messi, i vigneti; sulle rupi scoscese si vedono le rocche i castelli, i bagni Vignoni e monte Pesio (Cetona), più in alto Radicofani e che è il punto da cui sorge il sole d’inverno”.

Al piano terra di Palazzo Piccolomini, nella corte e all’interno delle sale, è stata allestita una mostra permanente che ripercorre l’ambizioso progetto umanistico di città ideale di Pio II, spiegando e presentando la struttura architettonica dell’edificio. Al primo piano si trova l’appartamento nobile con le sale da pranzo, della musica, dello studio, delle armi, della biblioteca ed alcune stanze da letto tra cui quella del Papa stesso. Gli ambienti sono arredati con mobili quattrocenteschi, quadri, suppellettili ed altre preziose testimonianze dell’epoca rinascimentale. Se desiderate prenotare una visita potete scrivere una email a prenotazioni@palazzopiccolominipienza.it o telefonare al +39 0577 286300.

PALAZZO PICCOLOMINI PIENZA

16 OTTOBRE – 14 MARZO
da MARTEDI’ a DOMENICA 10,00-16,30
Ultimo ingresso ore 16,00
Aperto i lunedì festivi

15 MARZO – 15 OTTOBRE
da MARTEDI’ a DOMENICA 10,00-18,30
Ultimo ingresso ore 18,00
Aperto i lunedì festivi

25 Dicembre e 1 Gennaio apertura 14.00 18.00
Ultimo ingresso ore 17,30

Chiusura del Palazzo
dal 7 Gennaio al 14 Febbraio
dal 16 Novembre al 30 Novembre

Il biglietto di ingresso comprende la visita guidata con l’audioguida
al Palazzo Piccolomini e al Giardino Rinascimentale
Audioguida gratuita disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, portoghese, russo, cinese, giapponese.
Accesso anche alle persone diversamente abili
€ 7,00 intero
€ 5,00 ridotto
Prezzo speciale
€ 3,50 ad alunno per scolaresche prenotate

Riduzioni
Gruppi (da minimo 15 a massimo 25 persone);
Studenti

Ingresso gratuito
Bambini fino a 5 anni
Persone diversamente abili

Informazioni aggiornate al 04/09/2014

Per maggiori informazioni visitare il sito
www.palazzopiccolominipienza.it

Leave a reply


9 − due =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>