Firenze e la sua mostra dell’artigianato

Uno degli eventi più popolari e caratteristici di Firenze è la Mostra dell’artigianato.
Da sempre la nostra regione, e Firenze in particolare, hanno la fama mondiale per il lavoro fatto con cura dagli artigiani di zona.
E’ per questo che già nel 1931 nasce quest’evento come estensione della volontà delle corporazioni fiorentine.
Il successo cede il passo alla guerra, per poi rinascere in un’ottica internazionale.
Gli anni del boom economico premiano l’internazionalità della mostra, che diventa fulcro dell’artigianato mondiale di qualità.
È qui che si riscopre l’eccellenza della creatività, dell’inventiva e dell’estro dei maestri artigiani provenienti da ogni paese. È qui l’origine del bello, la culla dell’arte e delle maestranze.
Oggi, con il periodo di crisi che stiamo vivendo c’è sempre di più la ricerca di cose fatte con qualità e professionalità: “poche ma buone” è questo uno di quegli appuntamenti di cui tutti parlano: vista, ri-vista, criticata, chiacchierata, amata; la Mostra Internazionale dell’Artigianato non è solo un’estensione di quel saper fare cittadino, la riunione degli ingegni, delle idee, è anche un’apertura della città, della Toscana, al Paese e ancora di più, al mondo.
Quest’anno dal 21 al 29 aprile la mostra si presenta in veste totalmente nuova, con voglia di raccontare, mostrare e stupire, ospite d’onore di questa edizione è la Thailandia. Le novità, tantissime, per dirne solo alcune, la collaborazione con la Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze, con lo IED e con i giovani architetti e designer che producono da sé i propri progetti.
Negli 80.000 metri quadrati deputati alle esposizioni si intrecciano storie, culture, percorsi del fare e percorsi geografici che mettono in relazione diretta l’eccellenza del sapere artigiano, delle novità, dell’innovazione con i buyer e gli acquirenti finali.
Ma la Mostra dell’Artigianato non è solo questo, non è solo acquisti, quello che si vuol far vivere è un viaggio nei colori dei materiali lavorati in modi e paesi diversi, un’immersione nei sapori e negli odori di prodotti doc, è uno sguardo su ciò che accade alle tradizioni ma anche alle innovazioni, alle tecnologie e alle possibilità future.
E’ l’occasione di vedere che anche nelle nuove generazioni c’è spirito di inventiva, fantasia, genialità, capacità di sapersi mettere alla prova e di…saper fare.
Abbigliamento, accessori, design, arredamento, oggettistica, gioielleria, oggetti da regalo ed enogastronomia. Tutto quanto può nascere dalle mani sapienti del fare artigiano.
Se un fatto come la Mostra dell’Artigianato ha un posto particolare tra gli eventi tradizionali fiorentini è anche perché in ogni edizione racconta un pezzetto della storia della città già a partire dal 1931, e poi dal 1978 con sede alla Fortezza.
Quest’anno, una mostra, negli spazi della Fortezza, raccoglierà alcuni dei manifesti storici dell’evento. Uno speciale viaggio della memoria attraverso le grafiche promozionali storiche.
E l’esposizione di manifesti vintage è solo uno degli eventi collaterali che si svolgeranno nei giorni della Mostra.
Ci sarà B.a.c.i. 2012- Palloncino@Balloon una mostra che racconta di balloon arts, e poi la preview del Firenze Gelato Festival, il progetto Making future che occuperà la Sala delle Nazioni ed è dedicato ai fermenti creativi dei giovani, tra cui le collaborazioni con IED e Università degli Studi di Firenze, e ancora, Visioni Design Lab – prefettura Kyoto e Spazio Kouryu con produzioni artistiche e prototipi di oggetti di design giapponese.

La Mostra Internazionale dell’Artigianato trasforma la Fortezza da Basso in una città sorprendente dove le vie dell’artigianato si diramano in nuovi e affascinanti percorsi espositivi, un mix fra secolare esperienza artigiana e ultime frontiere dell’innovazione.
Non perdetevi quest’appuntamento anche nel tardo pomeriggio tornando dai musei o dalla visita delle opere d’arte che solo questa città mette a disposizione, oppure nel dopo cena visto che la Mostra è aperta fino alle 23, non ve ne pentirete, sarà una bellissima esperienza ed un accrescimento che porterete dentro come souvenir Toscano, perché riuscite ad addentrarvi nel cuore e nella vita della nostra regione.

Leave a reply


5 + uno =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>