Il Treno Natura

Grazie ad un progetto voluto dalla Provincia di Siena, è stato riportato a nuova vita il tratto ferroviario che da Asciano arriva fino al Monte Antico e che era inutilizzato dagli anni 90. E’ un tratto di ferrovia storica che è diventata ferrovia turistica della Val d’Orcia e c he accompagna i turisti in un bellissimo viaggio tra le colline e la campagna toscana.
Le carrozze sono guidate da automotrici d’epoca restaurate, ma se la fortuna vi assiste, potrete viaggiare trainati da autentiche locomotive e vapore in carrozze “centoporte”, attive solo in alcune giornate.
Il viaggio attraverso la Val D’Orcia tocca terre e paesi poco conosciuti dal turismo di massa e rappresenta un’occasione per scoprire paesaggi unici. L’interesse per queste gite, negli ultimi anni, non è solo quello dei turisti stranieri che da tutte le parti del mondo non si lasciano sfuggire questa gita, ma anche dai nostri concittadini italiani, incuriositi dal fascino di paesini toscani meno conosciuti ma non meno caratteristici.
Il treno si ferma nei vari paesi dando così modo ai passeggeri di visitare i borghi, le antiche pievi, i sentieri ed i castelli medioevali della Toscana, senza dimenticare di fare almeno un assaggio dei prelibati prodotti tipici come salumi e formaggi o assaporare un sorso dell’ottimo vino del territorio.
La partenza è dalla stazione di Asciano e subito dopo si incontra la bellissima Abbazia di Monte Oliveto Maggiore. Si prosegue tra le colline senesi della Val dell’Asso. Da non perdere, nel mese di Settembre, la gita, della durata di un giorno, su treni a vapore o littorine d’epoca, che in occasione dell’evento speciale della VENDEMMIA, parte da Siena e scende ad Asciano Scalo e prevede una visita alle cantine e un pranzo a base di cucina contadina toscana.
Oltrepassate la storica di stazione di Torrenieri-Montalcino, si entra nella zona dei vigneti, qui si realizza il prelibato vino Brunello.
La Val D’Orcia propriamente detta inizia dopo la galleria di Casalta, da qui incontrerete i paesi che si trovano ai piedi del Monte Amiata, il vulcano spento più alto d’Italia.
Il viaggio prosegue verso la Maremma, passando vicino al castello di Poggio le Mura (dove si trova il museo del vetro) e termina nella stazione di Monte Antico.
Allora buon viaggio a tutti. Per maggiori informazioni consultate il sito ufficiale del treno natura

Leave a reply


cinque + 9 =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>