14 FEBBRAIO SAN VALENTINO

Valentino da Interamna è stato un vescovo e martire cristiano italiano. È venerato come santo dalla Chiesa cattolica e successivamente dalla Chiesa anglicana: è considerato patrono degli innamorati e della città di Terni.

Le sue reliquie, si trovano in Sardegna presso la chiesa di Ozieri, in Umbria a Terni, suo paese d’origine, presso la Basilica di San Valentino e a Belvedere Marittimo, in provincia di Cosenza, presso il Convento dei Cappuccini.

San Valentino fu il primo vescovo della città, ma i suoi miracoli lo resero famoso, ben oltre i confini dell’Impero, patì il martirio anche per aver unito in matrimonio, una giovane credente cristiana ed un legionario romano di religione pagana. Valentino contravvenne quella che era la regola del tempo, ossia l’impossibilità di conciliare religioni diverse. Bisognerà aspettare l’arrivo dell’imperatore romano Costantino I, che permetterà la libertà di culto, promulgando nell’anno 313 uno speciale editto di tolleranza, il cosiddetto editto di Milano. Ma nell’anno 270 Valentino si trovava a Roma per predicare il Vangelo e convertire i pagani. Invitato dall’imperatore Claudio II il Gotico a sospendere la celebrazione religiosa ea abiurare la propria fede, rifiutò di tentando anzi di convertire l’imperatore al cristianesimo. L’imperatore ebbe rispetto di Valentino e lo graziò affidandolo ad una nobile famiglia.

La festa di San Valentino venne istituita un paio di secoli dopo la morte di Valentino, nel 496, quando papa Gelasio I decise di sostituire alla festività pagana della fertilità (i lupercalia dedicati al dio Luperco) una ispirata al messaggio d’amore diffuso dall’opera di San Valentino. Tale festa ricorre annualmente il 14 febbraio ed oggi è conosciuta e festeggiata in tutto il mondo.

Quale miglior occasione per trascorrere questo giorno magico con la persona che più sta a cuore, in un territorio altrettanto speciale: la Toscana.

Ogni luogo, ogni angolo di questa felice terra può fare da sfondo alla giornata dedicata all’amore.

Non importa creare troppi sfarzi quando si ha accanto l’altra metà di se stessi: basta poter passeggiare accanto.

E se tutto intorno si hanno luoghi che la natura ha sapientemente organizzato, poco rinomati ma con luci, contrasti di colori che solo l’occhio sa percepire, la giornata degli innamorati si trasforma in un’emozione indescrivibile, un tuffo nel cuore che solo la Toscana sa dare.

Leave a reply


× 6 = trenta

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>