Pisa la città della torre pendente

Pisa è molto di più della celeberrima Torre pendente e meriterebbe una visita più lunga della sosta pur insostituibile alla bellissima Piazza dei Miracoli, patrimonio UNESCO.
Antica Repubblica Marinara, Pisa è una città nata e cresciuta lungo l’asse dell’Arno. Le insenature del fiume rendono suggestiva e mai uguale a se stessa la vista dei Lungarni e dei palazzi che si affacciano su di essi, che si possono ammirare dai cinque ponti che attraversano l’Arno o dai battelli fluviali. Del fascino dei Lungarni di Pisa hanno scritto, tra gli altri, Byron, Shelley, Montesquieu, Leopardi, Carducci, D’Annunzio e Foscolo.
Pisa è la città di Galileo Galilei, che dà il nome al suo importante aeroporto internazionale.

Pisa ha uno sbocco a mare ed un litorale circondato dal Parco Naturale Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli. In pochi chilometri di costa, Marina di Pisa, Tirrenia e Calambrone offrono al visitatore tre tipologie diverse di offerta balneare.

I quattro quartieri del centro storico della città rivivono le loro tradizioni nel Gioco del Ponte, una delle principali manifestazioni storiche che si svolge nel mese di giugno, in occasione delle festività legate al patrono San Ranieri.
I quartieri del centro storico di Pisa mantengono una loro identità dal sapore medievale; basta addentrarsi nelle vie e nei vicoli che si dipartono dall’asse nord-sud Corso Italia – Borgo Stretto. Passeggiare per quelle strade consente di scoprire angoli e piazze altamente suggestive, chiese di antica bellezza, trattorie a base di cucina tipica toscana.

Pisa è città della ricerca e degli studi universitari, con la presenza di istituti di eccellenza nazionale ed internazionale: la Scuola Normale Superiore, nella suggestiva Piazza dei Cavalieri, e la Scuola di Studi Superiori e di Perfezionamento Sant’Anna, nella bella Piazza dei Martiri della Libertà, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR).

Pisa è polo ospedaliero di eccellenza, è nautica da diporto, è industria biomedicale e farmaceutica. Sarà nei prossimi anni nuovamente porto, con l’avvio dei lavori del porto turistico. Negli ultimi anni la città è al centro di importanti opere di riqualificazione, come lo spostamento dell’ospedale verso la zona est, il previsto successivo recupero della zona ospedaliera adiacente a Piazza dei Miracoli, il camminamento sopra le mura, il Museo delle Navi Romane.

Fermarsi a Pisa consente di fruire di una città a “misura d’uomo”, da vivere con “lentezza”, popolata da tanti giovani che amano, a partire dalla bella stagione, ritrovarsi sulle “spallette” dell’Arno.
E’ necessario ricordare i Concerti della Domenica. Ogni seconda domenica del mese (esclusi luglio e agosto), nella Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri a Pisa, si tiene un concerto d’organo a ingresso gratuito. L’organo della chiesa risale al 1737, opera di Azzolino Bernardino Della Ciaja, ed è considerato un vero capolavoro, fra i migliori d’Europa.
Fino al 12 febbraio è possibile visitare Pablo Picasso a Palazzo Blu. Dopo Chagall e Mirò, a Palazzo Blu è la volta di Picasso con la sua febbrile sfida alla storia delle arti e il suo riproporre continuo di forme creative estreme e mai tentate.
“Ho voluto essere pittore e sono diventato Picasso”: questa citazione, riportata da Francoise Gilot, compagna di Picasso, è stata presa come traccia per costruire una mostra che ci presenti il trasformarsi dell’opera dell’artista.
“Il peggior nemico della creatività è il buon gusto”: quest’altra frase, quasi mitica, di Picasso, si espliciterà per la prima volta in modo così sistematico davanti agli occhi del pubblico attraverso i diversi strumenti utilizzati dal genio del secolo.
Inoltre da non perdere la visita guidata di Piazza dei Miracoli dino a fine maggio ogni venerdì, sabato e domenica alle ore 11.00 visita guidata in lingua italiana e inglese di Piazza dei Miracoli.
La visita comprende l’ingresso al Duomo e al Battistero (non alla Torre pendente).
Ritrovo in Piazza dei Miracoli presso il Museo delle Sinopie.
• Costo: € 8,00, comprensivo degli ingressi alla Cattedrale e al Battistero (non alla Torre pendente); ridotto € 6,00 da 10 a 18 anni; gratuito sotto i 10 anni.
• Lingue: italiano e inglese; altre lingue su prenotazione.
Per esigenze di culto l’ingresso al Duomo e al Battistero potrà essere sostituito da altro ingresso ai monumenti e musei della Piazza (Camposanto monumentale, Museo dell’Opera del Duomo, Museo delle Sinopie).

Leave a reply


5 + uno =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>